A scuola di riciclo con SEEDS – continua il progetto “MENO è MEGLIO”

Non si ferma la campagna di sensibilizzazione su riciclo ed educazione ambientale che sta coinvolgendo da inizio anno l’intero territorio irpino attraverso laboratori tematici e incontri pubblici, tutti rigorosamente gratuiti.

Stampa

Stampa

Le attività – con l’intento di promuovere le buone pratiche del progetto “MENO è MEGLIO” (MèM) e la strategia Rifiuti Zero– hanno fatto tappa ad Avella, negli spazi dell’Istituto Comprensivo Guerriero, coinvolgendo circa 200 alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado in laboratori di riciclo creativo e attività di educazione non formale. Il tutto grazie alla partnership istituita tra la Cooperativa SEEDS e l’IC Guerriero, nella persona della dirigente scolastica dott.ssa Ambrosino.

Con l’obiettivo generale di favorire strategie e politiche di prevenzione dei rifiuti su tutta la provincia di Avellino, nella realizzazione delle attività si valorizzeranno pratiche e prodotti derivanti dai processi virtuosi di riuso e riciclo – passaggio fondamentale della Strategia Rifiuti Zero – per mezzo di azioni pilota che avranno sede nelle comunità partecipanti.

Nello specifico, la strategia Rifiuti Zero si pone degli obiettivi molto chiari che si potrebbero riassumere nelle seguenti tre grandi categorie d’azione:

  1. Eliminare l’incenerimento dei rifiuti e strutturare un sistema di raccolta che aumenti la quantità di materiale differenziabile ed ottimizzi la qualità del materiale da riciclare, diminuendo contestualmente la quantità di rifiuti prodotti;
  1. Incentivare il riuso del materiale riciclato, la riparazione di oggetti e operare scelte di vita che diminuiscano la percentuale di scarti (es. uso di prodotti alla spina);
  1. Sostenere la progettazione e la produzione di prodotti totalmente riciclabili, riutilizzabili e riparabili.

In questo senso, il progetto MèM si vuole contrapporre alle pratiche di smaltimento tradizionali che prevedono incenerimenti o discariche che devastano i nostri già martoriati territori, per intraprendere invece le modalità di un riutilizzo totale delle risorse, così come avviene normalmente in Natura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...